Come aiutare una persona che ha problemi di autostima

Valutare le proprie capacità è un atto spesso inconsapevole che ciascuno di noi compie nelle varie situazioni di vita. La fiducia che ogni persona ha nelle proprie capacità e nel proprio valore rappresenta un assunto fondamentale per affrontare le diverse situazioni di vita. Si provi ad immaginare i momenti in cui si ha bisogno di dimostrare la propria preparazione ad un esame. Oppure, la competenza ad un colloquio di lavoro o i propri sentimenti nei riguardi di una persona. In queste e molte altre situazioni di vita la stima di sé che ciascuno nutre potrebbe fortemente influenzare il modo in cui si gestiscono simili eventi. Se una persona cara mostra di avere problemi di autostima è possibile starle accanto e sostenerla in diversi modi.

Cosa influenza la stima personale

L’autostima rappresenta un costrutto molto complesso e ampiamente studiato in ambito psicologico. Un recente studio di meta-analisi pubblicato dall’American Psychological Association si è occupato di verificare quale sia l’effetto che l’autostima genera sulle relazioni sociali e viceversa. Dai risultati gli studiosi hanno potuto confermare che esiste un feedback positivo tra questi due costrutti e che delle buone relazioni sociali possono aumentare i livelli di autostima. 

La creazione di una rete di relazioni adeguata è un’opportunità che ciascuno può sfruttare anche per migliorare se stesso e la propria vita ogni giorno. Sono diversi i fattori che concorrono alla formazione dell’autostima. Alcuni di questi sono ambientali, altri legati alla personalità e ai vissuti interni. Quando si ha accanto una persona con livelli di autostima bassa a volte si vorrebbe poterle offrire un sostegno adeguato perché possa credere più in se stessa. Non conoscere il modo in cui poterle dare una mano talvolta ingenera un senso di frustrazione piuttosto scomodo e fastidioso. Per questo potrebbe essere utile conoscere alcune tecniche efficaci.

Come aiutare una persona che ha problemi di autostima

Le persone che hanno una bassa autostima spesso ricercano l’approvazione attorno prima di passare all’azione o effettuare una scelta. A volte sono procrastinatori e relativamente a questa difficoltà abbiamo già spiegato come smettere di rimandare e passare all’azione. Un modo efficace che è possibile sfruttare per contribuire all’aumento dell’autostima della persona in questione è una sorta di cambio di prospettiva. Per prima cosa è importante non negare la sua paura o il terrore di non farcela. Meglio sarebbe normalizzare questo vissuto, dicendo che nella situazione in questione è normale avere paura o essere incerti. 

Il passo successivo potrebbe essere quello di stimolare la persona a visualizzare, magari scrivendoli, i risultati che ha ottenuto fino a questo momento. Inoltre,aiutarlo ad evidenziare anche quali sono le sue virtù e i valori in cui crede e che sono fonte di ispirazione per le proprie scelte di vita. Mettere nero su bianco questi aspetti è un modo per concretizzarli, per renderli più tangibili e visibili. Inoltre, un simile elenco si potrebbe consultare in qualsiasi momento fosse necessario. Un altro modo utile per aiutare una persona con bassa autostima a passare all’azione consiste nell’evitare di fare confronti. Al contrario, apprezzare e dare valore agli obiettivi raggiunti ed ai risultati ottenuti può fungere da spinta motivazionale. Attraverso queste semplici tecniche comunicative si potrà puntare sui punti di forza di quella persona ed esortarla a credere di più in se stessa.

Approfondimento

Aprirsi di più con gli altri e diventare una persona più espansiva

Disclaimer

“Gli autori e i proprietari del presente sito declinano ogni responsabilità nei riguardi dei lettori in merito all’utilizzo che questi possano fare delle informazioni riportate negli articoli. Gli eventuali consigli rappresentano il personale punto di vista dell’autore e non hanno alcuna pretesa di veridicità. I contenuti pubblicati hanno uno scopo puramente divulgativo e non sostituiscono il parere degli specialisti, né intendono formulare diagnosi o prescrivere trattamenti.”

Ultimi articoli
Restiamo in contatto