Come capire se un collega è invidioso

Costruire un ambiente lavorativo sano e soddisfacente è un bisogno che accomuna molte persone. Sapendo che in media ciascuno trascorre un terzo della propria giornata in compagnia dei colleghi, diventa quantomai necessario curare le relazioni interpersonali reciproche. Gli ambienti di lavoro malsani possono avere effetti dannosi tanto sul corpo quanto sulla mente e possono ingenerare un elevato grado di insoddisfazione. Questi sono elementi da non trascurare se si considera che una simile insoddisfazione potrebbe avere delle ricadute anche sulla vita familiare, di coppia e amicale. Capire se il capo o un collega è invidioso è importante per conservare un ambiente lavorativo adeguato. Vediamo allora quali sono i segnali che si potrebbero cogliere per formulare una simile ipotesi.

Quali fattori influenzano il benessere sul luogo di lavoro

L’ambiente di lavoro ha un’estrema importanza per la salute del dipendente. È quanto emerge da uno studio scientifico condotto da un team di ricercatori asiatici. Questi hanno dimostrato lo stretto legame tra soddisfazione lavorativa e stato di salute dei dipendenti. Intessere buoni rapporti con ciascun membro dello staff con cui si collabora è estremamente importante. Tuttavia, non sempre si riconoscono chiaramente le reali intenzioni che animano il comportamento dei propri colleghi. A volte si ha l’impressione che una persona sia falsa e svalutante, per questo in un precedente articolo abbiamo illustrato cosa dire quando qualcuno ci offende o umilia. Altre volte dietro un collega di lavoro invidioso potrebbe nascondersi una persona frustrata e arrabbiata con se stessa, con la vita o con altre persone. 

Quando si vive in un simile ambiente lavorativo si avverte il forte desiderio di cambiare occupazione anche se in fondo si prova una terribile paura alla sola idea di farlo. Per non ricorrere a simili e drastiche soluzioni, è possibile gestire al meglio quelle relazioni che si vivono come disfunzionali.

Come capire se un collega è invidioso

A volte accade che dei colleghi provino invidia verso altri membri dello staff senza che la esplicitino in maniera diretta. Malgrado i tentativi di mascherarla, quest’emozione la si può riconoscere da alcuni semplici segnali comportamentali. Nella generalità dei casi, un collega invidioso è una persona tesa a criticare il lavoro e a svalutare il successo altrui. Egli si sente costantemente in competizione e non tollera che qualcun altro possa superarlo o ottenere maggiori benefici lavorativi. Può essere una persona che mostra comportamenti marcatamente ambivalenti: da un lato finge apprezzamento nei riguardi di un membro dello staff e dall’altro enfatizza e celebra ogni suo insuccesso.

Questa forte ambivalenza spesso si cela dietro l’utilizzo di false lodi nei riguardi del pari o complimenti marcatamente forzati ed eccessivi. Si tratta di una persona pronta a porre ostacoli al raggiungimento di obiettivi e traguardi di altri colleghi. Per spegnere ogni tipo di entusiasmo che anima l’ambizione altrui il collega invidioso spesso si fa portatore di cattive notizie. Oppure tenta di demoralizzare e distruggere i sogni altrui mettendo in evidenza le difficoltà che incontrerà nel percorso questi ha deciso di intraprendere. Riconoscere questi comportamenti in un collega può dare un’idea sulla natura delle sue emozioni. Comprendendo questi stati mentali è possibile prenderne le distanze ed evitare che il collega invidioso influenzi in maniera negativa il lavoro altrui.

Approfondimento

Come avere più energia fisica e mentale anche senza integratori

Disclaimer

“Gli autori e i proprietari del presente sito declinano ogni responsabilità nei riguardi dei lettori in merito all’utilizzo che questi possano fare delle informazioni riportate negli articoli. Gli eventuali consigli rappresentano il personale punto di vista dell’autore e non hanno alcuna pretesa di veridicità. I contenuti pubblicati hanno uno scopo puramente divulgativo e non sostituiscono il parere degli specialisti, né intendono formulare diagnosi o prescrivere trattamenti.”

Ultimi articoli
Restiamo in contatto