Come riconoscere una persona falsa da alcuni semplici segnali

La fiducia rappresenta uno dei pilastri sui quali la comunicazione e l’interazione umana trova il suo fondamento. Le relazioni più intime che ciascuno di noi intesse con le persone della propria vita si basano su un certo grado di fiducia che si ritiene inviolabile. Essa rappresenta una sorta di investimento che si fa nei riguardi del partner, della persona cara, del collega di lavoro e tanto altro. Dietro comportamenti improntati alla falsità, alcune volte potrebbe nascondersi una buona dose d’invidia, come accade spesso negli ambienti lavorativi. Per questo in un precedente approfondimento abbiamo spiegato come capire se un collega è invidioso. In simili circostanze esistono delle tecniche che spiegano come riconoscere una persona falsa da alcuni semplici segnali comportamentali.

La falsità e l’ipocrisia si possono smascherare 

Spesso vengono definite doppie, prive di spontaneità o persino pericolose quelle persone che non si mostrano nella loro genuinità. Più si abbassa il grado di onestà nella relazione, più alto diventa il rischio di manipolazione da parte di chi nasconde delle verità. Per questo è importante conoscere le caratteristiche delle persone che tradiscono la fiducia dell’altro.

Secondo alcuni studiosi la menzogna rappresenta una forma di adattamento alla realtà, un modo per proteggersi dall’angoscia di non sentirsi accettati. Nella seconda metà del Novecento, il pediatra e psicoanalista Donald Winnicott spiegò questa dinamica umana coniando il termine “Falso sé”. Si tratta di una struttura di personalità che l’individuo inizia a formare dai primi anni di vita e che si contrappone al sé reale. 

Il Falso sé descrive un adattamento compiacente all’ambiente familiare che non accetta il bambino per quello che è realmente. Il piccolo in simili situazioni sperimenta ansia, angoscia e sente di poter essere abbandonato se si mostra nella sua autenticità. Dunque, pur di conservare inalterato il legame con genitori e figure di accudimento, inizia ad adeguarsi ai loro desideri. Egli sceglie di soddisfare le aspettative dei genitori, costruendo una vera e propria maschera alla parte di sé più autentica. Da questa analisi si evince come, in alcune storie di vita, la falsità rappresenti un processo di adattamento all’ambiente teso alla sopravvivenza. 

Come riconoscere una persona falsa da alcuni semplici segnali

Le persone false presentano alcune caratteristiche che è possibile scorgere nella misura in cui s’interagisce con loro. Un primo aspetto riguarda le emozioni e la loro espressione. Chi non privilegia la spontaneità ha difficoltà a stare in contatto con quello che sente e dunque ad esprimerlo in maniera chiara ed aperta. 

Le persone false tendono ad essere prevalentemente giudicanti poiché questo consente loro di mantenere un certo controllo sulla situazione. Il giudizio, tendenzialmente negativo consente inoltre di mettere in luce se stessi per farsi considerare un modello ed un esempio da seguire. 

Un altro aspetto che distingue le persone false è una certa tendenza ad attirare l’attenzione su di sé. Mostrandosi estremamente sicure e meritevoli, possono mantenere alta un’autostima che in realtà vacilla fortemente. Inoltre, sentono di poter manipolare con maggiore facilità il loro interlocutore. Il loro è quasi un bisogno di piacere a tutti che si traduce in una costante ricerca di conferme e approvazioni. 

Infine, un’altra caratteristica che potrebbe descrivere questa tipologia ha a che fare con le apparenze. Le persone false sono fortemente tese ad apparire nella loro luce migliore, per questo non sono disposte ad imparare dai propri errori. Mancando primariamente di onestà verso se stessi, ritengono che il l’errore sia sempre causa di qualcun altro o comunque esterno alla loro responsabilità. Per tale motivo, spesso covano rancore e meditando vendette verso chi le pone di fronte a quel senso d’inferiorità e inadeguatezza che tanto rifuggono. 

Più che di persone false, dunque, si dovrebbe parlare di comportamenti improntati alla falsità. Al momento della nascita infatti non c’è chi nasce falso e chi sincero. In questo senso è sempre importante capire il ruolo che nella storia di vita di ciascuno ha ricoperto la falsità. Solo acquisendo consapevolezza di simili meccanismi è possibile liberarsi da quella porzione di inautenticità che appartiene a ciascuno e che talvolta fa soffrire

Approfondimento

Ecco 3 segnali per capire subito se una relazione è tossica

Disclaimer

“Gli autori e i proprietari del presente sito declinano ogni responsabilità nei riguardi dei lettori in merito all’utilizzo che questi possano fare delle informazioni riportate negli articoli. Gli eventuali consigli rappresentano il personale punto di vista dell’autore e non hanno alcuna pretesa di veridicità. I contenuti pubblicati hanno uno scopo puramente divulgativo e non sostituiscono il parere degli specialisti, né intendono formulare diagnosi o prescrivere trattamenti.”

Ultimi articoli
Restiamo in contatto