Come ricostruire la fiducia e risanare il rapporto di coppia

Le relazioni amorose comportano un investimento emotivo notevole. Dopo la fase dell’innamoramento la strada sembra essere in salita per molti. Con il tempo infatti cambia il modo in cui percepiamo e veniamo percepiti dal partner. Se il rapporto di coppia si poggia su fondamenta solide sarà più semplice risanare eventuali fratture e cadute. Diversamente si prospetterà quasi impossibile ricostruire la fiducia e ricominciare a camminare l’uno al fianco dell’altra. Non si dà più credito a quel che il partner dice e si diventa sospettosi. In tali casi la diffidenza inquina la relazione al punto da renderla del tutto inutile.

Meglio sarebbe allora troncare per tempo piuttosto che trascinarsi faticosamente un fardello di bugie e di recriminazioni. A tal proposito gli esperti consigliano come chiudere con una persona che ami senza soffrire e senza ferire. Si deve infatti considerare che la conclusione di una relazione rappresenta per molti versi un lutto, una perdita. Taluni vivono addirittura come un fallimento personale la rottura di un fidanzamento o di un matrimonio.

Tradimento e senso di colpa

Spesso è proprio il tradimento da parte di uno dei due il motivo per cui si tronca una relazione. Potrebbe aiutare a recuperare la serenità di un tempo anche capire cosa fare per non sentirsi in colpa dopo aver tradito.

Ci sono uomini e donne più propense a perdonare un momento di cedimento, soprattutto quando vi sono figli da tutelare a cui garantire una crescita serena. Anche chi non è genitore potrebbe comunque avere intenzione di non cestinare il legame amoroso e quindi impegnarsi a dare valore all’unione.

Come ricostruire la fiducia e risanare il rapporto di coppia

Ci sono coppie poco abituate al dialogo e per le quali è difficile intuire i pensieri e i desideri del partner. Prendere l’iniziativa e discutere sulle difficoltà e sui problemi non rientra nelle loro interazioni. Di conseguenza si chiudono in un silenzio poco fruttuoso che lascia la relazione in una fase di stallo. Per costoro in particolare potrebbe risultare utile seguire un percorso di sostegno psicoterapeutico.

Alcune ricerche hanno confermato l’efficacia della terapia di coppia nella riduzione del disagio relazionale. La terapia comportamentale si focalizza sull’espressione delle emozioni e delle incomprensioni che possono insorgere nel corso del tempo. Grazie al cosiddetto impegno relazionale da parte di entrambi i partner è infatti possibile ottenere un maggior grado di soddisfazione. Inoltre la consulenza di coppia facilita la comunicazione, promuove cambiamenti significativi e aumenta il benessere generale.

Per ripristinare la complicità di un tempo sarà opportuno moltiplicare le occasioni di stare insieme e di dedicarsi ad attività comuni. Non potrà che giovare all’umore di entrambi ripetere esperienze del passato in cui si è sperimentato il piacere della condivisione. Oltre ad una maggiore vicinanza ci si dovrà anche impegnare a perdonare i reciproci errori e limiti. Per ripristinare la fiducia si dovrà necessariamente lasciare nel cassetto del passato il torto che ha determinato la crisi di coppia.

Se non si metterà da parte il rancore non si avrà modo di riaccogliere l’altro con serenità. Per cui se si decide di riprovare anzitutto bisogna stabilire un nuovo accordo su molte questioni. Impegnandosi a rispettarlo si avrà modo di costruire giorno dopo giorno quella fiducia che rende possibile una profonda intesa spirituale. Riuscirà in quest’impresa chi veramente crede nel valore del legame che lo tiene stretto al partner. Sarà dunque la motivazione e l’impegno a garantire un nuovo futuro alla coppia.

Approfondimento

Quali sono le caratteristiche psicologiche delle persone che tradiscono

Disclaimer

“Gli autori e i proprietari del presente sito declinano ogni responsabilità nei riguardi dei lettori in merito all’utilizzo che questi possano fare delle informazioni riportate negli articoli. Gli eventuali consigli rappresentano il personale punto di vista dell’autore e non hanno alcuna pretesa di veridicità. I contenuti pubblicati hanno uno scopo puramente divulgativo e non sostituiscono il parere degli specialisti, né intendono formulare diagnosi o prescrivere trattamenti.”

Ultimi articoli
Restiamo in contatto