Come smettere di rimandare e cominciare ad agire subito realizzando i propri progetti

In alcuni momenti di vita ci sono situazioni che rappresentano un vero e proprio blocco. Tendiamo a procrastinare, a rimandare un impegno o un obiettivo percependo al tempo un forte senso di frustrazione. Per smettere di posticipare e procrastinare nella vita ci sono alcune tecniche che possono aiutare ad affrontare le fasi di stallo. Vediamo di seguito come smettere di rimandare e cominciare ad agire subito realizzando i propri progetti.

Cosa c’è dietro la procrastinazione

Nella vita attuale le giornate di molte persone sono spesso punteggiate di impegni, appuntamenti e scadenze da onorare. A volte si ha l’impressione che il tempo a disposizione sia insufficiente per poter portare a termine tutti i compiti stabiliti. Ecco allora che la mente potrebbe innescare dei meccanismi che descrivono una paura, un rifiuto o una intolleranza verso quella cosa da fare. A volte s’instaura un vero e proprio loop di pensieri che pervade la mente ma che si può controllaresfruttando alcune tecniche. 

La procrastinazione descrive un comportamento di natura volontaria che induce a rimandare o sostituire un’azione che sarebbe meglio svolgere nell’immediato. La genesi di questo comportamento può avere diverse cause scatenanti. Alcuni autori hanno cercato di definire attraverso approfonditi studi e ricerche i tratti caratteristici della procrastinazione. 

Le motivazioni che spingono ciascuna persona a spostare avanti l’azione possono differire nelle varie circostanze. A volte la persona nutre delle credenze negative su di sé che causano un calo della motivazione. Queste credenze potrebbero portare a procrastinare frequentemente con un conseguente aumento dei livelli di stress. Ecco allora che spunta quella sensazione che il mondo sia troppo grande da fronteggiare, che la persona sia sempre inadeguata alle aspettative degli altri. Tutto quello che si desidererebbe in questi momenti è conoscere e sfruttare delle strategie che possano offrire un valido aiuto. Relativamente al vissuto del tempo, abbiamo illustrato cosa fare per non avere paura del futuro. A ciò si possono aggiungere ulteriori dettagli.

Come smettere di rimandare e cominciare ad agire subito realizzando i propri progetti

Quando ci si trova imbrigliati nell’incapacità di andare avanti e si tende a posticipare o rinviare un impegno, come si potrebbe intervenire? La gestione del tempo è una delle principali difficoltà che riscontrano i procrastinatori. Contro il tempo talvolta ingaggiano una vera e propria battaglia. Spesso credono di avere molto tempo a disposizione sovraccaricandosi di impegni e lavoro. Una simile credenza li induce dunque ad alternare momenti di stasi ad altri di sovraccarico lavorativo da cui scaturisce un forte stress. 

Esistono alcuni aspetti pratici sui quali ciascuno potrebbe intervenire in autonomia per limitare gli effetti della procrastinazione. I due principali sono la gestione del tempo e la prevenzione delle distrazioni durante lo svolgimento di un compito. Spesso quello che blocca è proprio il primo passo, l’inizio di una nuova attività e la paure ad essa legate. Per evitare questa sensazione è utile limitare il pensiero e passare all’azione. Pianificare le proprie attività frammentandole in piccoli traguardi da raggiungere giorno dopo giorno potrebbe essere un buon punto di partenza. 

Che si tratti di preparare un esame universitario o di gestire il proprio lavoro o famiglia, il meccanismo è sempre lo stesso. Fissare obiettivi quotidiani e delle pause programmate su un calendario o un’agenda potrebbe offrire un primo aiuto. La visualizzazione di quello che ciascuno ha stabilito di fare funge da regolatore. I momenti di pausa e di distrazione sono importanti al pari di quelli di lavoro. Ecco perché invece di lasciarli al caso, si potrebbe loro dedicare uno spazio preciso nella giornata. Iniziando a programmare un passo alla volta, le scadenze e gli impegni che sembravano insormontabili diventeranno sempre meno spaventosi. 

Approfondimento

Ecco cosa scatta nel cervello quando alcune persone ci irritano o infastidiscono particolarmente

Disclaimer

“Gli autori e i proprietari del presente sito declinano ogni responsabilità nei riguardi dei lettori in merito all’utilizzo che questi possano fare delle informazioni riportate negli articoli. Gli eventuali consigli rappresentano il personale punto di vista dell’autore e non hanno alcuna pretesa di veridicità. I contenuti pubblicati hanno uno scopo puramente divulgativo e non sostituiscono il parere degli specialisti, né intendono formulare diagnosi o prescrivere trattamenti.”

Ultimi articoli
Restiamo in contatto