Ecco come farsi accettare dalla suocera e diventare sua amica

Amare una persona significa entrare in relazione anche con tutte quelle figure che costituiscono la sua famiglia. Purtroppo però simili interazioni non sempre possono definirsi accoglienti e solidali. Un rifiuto da parte dei genitori di lui o di lei potrebbe minacciare l’equilibrio e ingenerare conflitti che si preferirebbe evitare. Un esempio che accomuna numerose famiglie interessa il rapporto che si instaura tra suocera e nuora. Come farsi accettare dalla suocera senza che questa diventi un’acerrima nemica da contrastare? Perché si possa vivere con serenità il rapporto con la madre del proprio partner si potrebbero adottare alcune strategie estremamente utili.

Perché alcune suocere sembrano insopportabili

La linea di demarcazione tra l’atteggiamento protettivo che una madre nutre nei riguardi del proprio figlio e l’ingerenza è spesso molto sottile. Quando il genitore entra prepotentemente nella coppia del figlio/a si ha la sensazione che alcuni equilibri improvvisamente stiano vacillando. Per questo motivo abbiamo spiegato cosa fare quando la suocera è troppo invadente.

Malgrado vari tentativi di conciliazione, molte coppie purtroppo hanno difficoltà a trovare un equilibrio con le reciproche famiglie d’origine. Ancora più aspro potrebbe diventare il tentativo di creare un accordo tra suocera e nuora. Questo stereotipo, malgrado alcune evoluzioni, ancora oggi si abbatte su numerose famiglie. Un recente studio scientifico, ad esempio, ha messo in evidenza quanto siano differenti le questioni che interessano la famiglia genetica da quella coniugale. Laddove queste due dimensioni risultino eccessivamente invischiate, potrebbe nascere il conflitto. 

Una delle cause che spiegano il fenomeno è certamente rintracciabile in fattori radicati nella nostra cultura d’appartenenza. Se in altre latitudini il rapporto madre-figlio viaggia verso una graduale autonomia della progenie, la mamma italiana è per eccellenza una chioccia estremamente protettiva. Ciò, tuttavia, non esclude le responsabilità che ciascun figlio ha nella creazione di dinamiche che rifuggono la totale autonomia.

Ecco come farsi accettare dalla suocera e diventare sua amica

Alcune suocere mostrano un atteggiamento talvolta schivo nei riguardi delle proprie nuore. È come se le ritenessero incapaci di svolgere a pieno il proprio ruolo di mogli, come se fossero mancanti di qualcosa. Quando ciò accade, una ferita ancora più amara potrebbe infliggerla proprio il partner. Sono diverse le mogli o le compagne che dichiarano di non sentirsi sostenute e difese dal proprio partner contro l’ostilità di alcuni familiari.

Per non soccombere e non abbandonarsi ad un silenzio carico di rabbia e risentimento, è importante impostare un rapporto comunicativo chiaro e ben definito. Una delle soluzioni più efficaci prevede l’utilizzo dell’assertività. Meglio comunicare efficacemente le proprie idee o opinioni, piuttosto che isolarsi o peggio ancora arrivare al conflitto. Questo serve ad inviare all’altra persona un messaggio limpido sul modo in cui vogliamo stare in relazione. Farsi accettare per quelli che siamo vuol dire anzitutto avere stima di sé. Laddove il problema sia proprio la svalutazione personale, abbiamo precedentemente spiegato come fare per avere più autostima e sicurezza in se stessi. Nella gestione del rapporto con la suocera è importante sentirsi protagonisti, piuttosto che vittime passive. Nella costruzione di qualsiasi relazione ciascuna delle parti ha una propria responsabilità. partendo da un simile presupposto, si potrà impostare un rapporto sereno e teso al reciproco rispetto anche con la suocera.

Approfondimento

Cosa fare per migliorare se stessi e la propria vita ogni giorno

Disclaimer

“Gli autori e i proprietari del presente sito declinano ogni responsabilità nei riguardi dei lettori in merito all’utilizzo che questi possano fare delle informazioni riportate negli articoli. Gli eventuali consigli rappresentano il personale punto di vista dell’autore e non hanno alcuna pretesa di veridicità. I contenuti pubblicati hanno uno scopo puramente divulgativo e non sostituiscono il parere degli specialisti, né intendono formulare diagnosi o prescrivere trattamenti.”

Ultimi articoli
Restiamo in contatto