Ecco come smettere di chiedere sempre scusa e cosa dire di diverso

Nella dimensione dialogica la scelta delle parole da utilizzare non riguarda esclusivamente aspetti sintattici o grammaticali. È importante in ogni situazione trovare, come suggerisce un noto romanzo, le parole per dirlo. Questo perché il modo di esprimersi svela molti aspetti che hanno a che fare anche con il carattere e la percezione che ognuno ha di sé. C’è chi, ad esempio, vorrebbe smettere di chiedere sempre scusa ma non sa come fare o cosa dire di diverso. È interessante scoprire cosa si cela dietro questo atteggiamento che dipinge atmosfere in cui aleggia un costante senso di colpa. Esiste una sottile linea di demarcazione tra il gesto cortese di scuse e l’atteggiamento quasi compulsivo di scusarsi frequentemente. Vediamo di seguito in che modo è possibile correggere una simile abitudine e adottare un comportamento differente.

Perché si chiede spesso scusa

Nella visione degli antichi la giusta misura rappresentava una costante di equilibrio esistenziale. Questo senso del giusto grado, oltre a descrivere un modo di stare al mondo, potrebbe trovare una propria ragion d’essere anche nel linguaggio. Ed è proprio nell’utilizzo di alcuni termini che talvolta si sfiora l’eccesso. Ebbene, non è detto che le esagerazioni abbiano a che fare sempre con comportamenti giudicati socialmente negativi. Un esempio tra tanti riguarda proprio la frequenza con cui si chiede scusa. Un simile gesto, carico di cortesia, delicatezza ed empatia potrebbe talvolta diventare stucchevole e quasi ostentato se ripetuto con troppa frequenza. Chiedere scusa, infatti, è uno di quegli atti che richiede l’attribuzione di un certo valore alla parola che si sta pronunciando verso qualcuno. Non è un caso che spesso si parli di “scuse sentite”. Quest’espressione ricalca l’importanza e la gravità che assume una simile richiesta quando la si rivolge al proprio interlocutore. Perché l’altro percepisca quanto sia autentico il proprio gesto c’è bisogno che la richiesta di scuse si accompagni ad un forte coinvolgimento in chi la formula. Ebbene, cosa accade quando invece diventa una formula quasi automatica che si pronuncia in moltissime circostanze?


Ecco come smettere di chiedere sempre scusa e cosa dire di diverso

Insicurezza, bassi livelli di autostima e forte autosvalutazione potrebbero essere i vissuti che descrivono una persona tesa a chiede troppo spesso scusa. Tale formula diventa una tale abitudine che si finisce per utilizzarla anche il situazioni insignificanti e poco rilevanti. C’è chi chiede scusa per sedersi in un posto, per esprimere la propria opinione, o per prendere un oggetto. Questo comportamento denuncia una sorta di sottomissione psicologica che il soggetto dichiara nei riguardi del proprio interlocutore. Quando ciò accade, si corre il rischio che il gesto di scuse perda completamente di valore. Smettere di adottare questo comportamento e seguire altre strategie, potrebbe essere una soluzione per divenire più fiduciosi in sé e mostrare maggiore autostima. Un modo utile per non esagerare nel chiedere scusa è fermarsi a riflettere sulle situazioni in cui è realmente necessario. Generalmente, accade quando si offende qualcuno, quando si commette un errore che ricade su altri, oppure quando si ferisce l’altro in qualche misura. È importante ricordarsi anche dell’importanza di chiedere scusa a se stessi quando è il momento. Se s’intende invece esprimere un proprio bisogno, non sempre è necessario chiedere scusa. Utilizzando delle formule non aggressive e non lesive per l’altro, l’affermazione dei propri bisogni ha a che fare con una spinta alla sopravvivenza. Partendo da queste semplici riflessioni, quello che potrebbe essere diventato un intercalare, riacquisterà valore anche per chi lo pronuncia.

Approfondimento

Come smettere di fissarsi sulle cose e combattere i pensieri negativi

Disclaimer

“Gli autori e i proprietari del presente sito declinano ogni responsabilità nei riguardi dei lettori in merito all’utilizzo che questi possano fare delle informazioni riportate negli articoli. Gli eventuali consigli rappresentano il personale punto di vista dell’autore e non hanno alcuna pretesa di veridicità. I contenuti pubblicati hanno uno scopo puramente divulgativo e non sostituiscono il parere degli specialisti, né intendono formulare diagnosi o prescrivere trattamenti.”

Ultimi articoli
Restiamo in contatto