Invece di rinunciare si può trovare la voglia di allenarsi in questo modo

L’attività fisica rappresenta un modo estremamente importante per prendersi cura di sé e del proprio stato di salute. Come ormai affermano numerosi studi scientifici, lo sport può aiutare a contrastare alcune malattie rafforzando l’organismo. In questo periodo dell’anno, dopo i bagordi estivi, sono molte le persone che di decidono di iscriversi in palestra, frequentare corsi o allenarsi in autonomia. Spesso però accade che l’iniziale slancio motivazionale subisca un repentino declino dopo qualche settimana o mese. Invece di rinunciare alla possibilità di allenarsi, è possibile ricorrere ad alcune strategie che aiutano a dare una spinta quando si abbassa la forza mentale.

Quali errori evitare per mantenere la costanza

Sono diverse le ragioni per cui una persona decide di inserire all’interno della propria routine quotidiana l’attività sportiva. C’è chi ha come obiettivo principe la perdita di peso, chi una determinata passione e chi lo fa per mantenersi in forma. Alcune persone invece si sentono maggiormente pigre quando si tratta di dare avvio a questa abitudine. Per questo abbiamo precedentemente spiegato come farsi venire la voglia di fare sport e dimagrire. Se lo scopo principale prevede il raggiungimento del peso forma, a volte più che contare le calorie lo sport potrebbe offrire un valido aiuto che molti trascurano. 

A volte ad essere carente non è l’intenzione ad intraprendere un allenamento, quanto il desiderio costante e ripetuto nel tempo a conservare tale routine.

Invece di rinunciare si può trovare la voglia di allenarsi in questo modo

Uno dei circoli viziosi che spesso abbassa il livello motivazionale nello sport riguarda la frequenza. Meno ci si espone all’allenamento, più alto diventa il rischio di continuare a rinunciarci anche nei giorni successivi. Di conseguenza, quello che se ne ricava è un elevato rischio di abbandono del programma intrapreso. Un recente studio scientifico spagnolo condotto su un gruppo di studenti ha mostrato la stretta connessione esistente tra sport, motivazione ed esperienza emotiva.

Dal campione preso in esame gli esperti hanno potuto dimostrare che con l’aumento dell’esposizione ad esperienze sportive crescono anche i livelli motivazionali legati all’esperienza. Invece di rinunciare all’allenamento, dunque, è importante dedicarsi ad esso anche quando non ci si sente particolarmente prestanti. Un significativo aiuto potrebbe giungere in questo senso dalla programmazione. Stabilire dei momenti durante la settimana da dedicare allo sport potrebbe assegnare maggiore rilevanza all’impegno. Inoltre, non bisogna trascurare l’aspetto divertente di quello che si fa. Meglio puntare su forme di allenamento che risultano gradite. Se il tempo dell’allenamento risulta piacevole, il rischio di abbandono potrebbe approssimarsi a valori davvero trascurabili. 

Approfondimento

Riconoscere quando il cervello è stanco e in tilt

Disclaimer

“Gli autori e i proprietari del presente sito declinano ogni responsabilità nei riguardi dei lettori in merito all’utilizzo che questi possano fare delle informazioni riportate negli articoli. Gli eventuali consigli rappresentano il personale punto di vista dell’autore e non hanno alcuna pretesa di veridicità. I contenuti pubblicati hanno uno scopo puramente divulgativo e non sostituiscono il parere degli specialisti, né intendono formulare diagnosi o prescrivere trattamenti.”

Ultimi articoli
Restiamo in contatto