Ottimizzare il tempo sul lavoro ed essere più produttivi

Il lavoro rappresenta una delle dimensioni fondamentali che al giorno d’oggi contribuiscono a formare l’identità di un individuo. Nella più parte dei casi al lavoro si dedica circa un terzo della propria giornata. Questa quantificazione temporale offre la misura di quanto sia importante conservare all’interno di questa dimensione una certa serenità. Un’adeguata gestione del tempo che si ha a disposizione durante la propria attività è fondamentale per evitare stress ed esaurimenti energetici. Nel presente articolo illustriamo alcune strategie per ottimizzare il tempo sul lavoro ed essere più produttivi sprecando meno energie.

Perché si ha la sensazione di non avere tempo a sufficienza

Il tempo rappresenta una delle variabili più frequentemente temute quando si sta portando a termine un lavoro. Si ha spesso l’impressione di non averne a sufficienza o di non saperlo sfruttare al meglio. A volte un simile fattore può diventare paradossalmente la spinta che spinge a lanciarsi in una nuova impresa professionale. Relativamente a questo aspetto, abbiamo spiegato in precedenza come superare la paura di cambiare lavoro e rimettersi subito in gioco. Secondo un recentissimo studio scientifico cinese, l’insoddisfazione lavorativa può essere una minaccia per la salute mentale dei lavoratori. Coloro che non trovano appagamento in questa importante dimensione di vita potrebbero maturare forti difficoltà a gestire lo stress anche in altre situazioni. Simili ragioni portano a riflettere sull’importanza di capire come fare per migliorare se stessi e la propria vita ogni giorno.

Ottimizzare il tempo sul lavoro ed essere più produttivi sprecando meno energie

La gestione del tempo in ambito professionale può diventare una fonte di stress oppure una potente arma produttiva. Un simile concetto è del tutto distante dall’idea che per ottimizzare il tempo a disposizione non si debba prendere neanche un caffè. Al contrario, le pause sono un aspetto che va sempre considerato quando si organizzano le giornate. 

Esistono alcune strategie che si possono mettere in campo per ottenere di più con uno sforzo ridotto. Moltissime attività richiedono una pianificazione per il loro svolgimento. Uno dei primi aspetti da curare, dunque, è proprio la pianificazione della giornata o della settimana. Quando parliamo di pianificazione intendiamo inserire nel proprio crono-programma anche il tempo da dedicare alle pause o al relax. Ciò perché sarebbe controproducente programmare senza staccare la spina per qualche minuto. A proposito di svago, durante la pianificazione le pause sono utili per diversi motivi. Esse diventano il momento migliore per rispondere a messaggi vari o sentire persone care. Inoltre, le pause sono adatte per scrollare il dito sullo smartphone mentre si naviga sui social. Porsi dei margini entro i quali svolgere determinate azioni può avere un effetto estremamente favorevole sulla propria attività. Inoltre, diminuisce eventuali cause di distrazione. Per conservare alto il livello di concentrazione, dunque, sarebbe utile allontanare tutte le potenziali fonti che distolgono. Rendendo al massimo nel tempo stabilito, si potrà dedicare margini sempre più ampi alle attività di svago. In questa maniera si ridurranno i tempi di occupazione senza deficit sulla resa del proprio operato.

Approfondimento

Usare la rabbia a proprio vantaggio e trasformarla in energia positiva

Disclaimer

“Gli autori e i proprietari del presente sito declinano ogni responsabilità nei riguardi dei lettori in merito all’utilizzo che questi possano fare delle informazioni riportate negli articoli. Gli eventuali consigli rappresentano il personale punto di vista dell’autore e non hanno alcuna pretesa di veridicità. I contenuti pubblicati hanno uno scopo puramente divulgativo e non sostituiscono il parere degli specialisti, né intendono formulare diagnosi o prescrivere trattamenti.”

Ultimi articoli
Restiamo in contatto