Perché non si riesce a stare in mezzo alla gente e viene l’agitazione

Ci sono delle dimensioni sociali nelle quali diverse persone sperimentano momenti di profondo disagio che talvolta si trasforma in malessere. Vivere queste esperienze può portare ad isolarsi o evitare tutte quelle circostanze in cui ci si sente esposti al confronto con gli altri. Le ragioni di questa scomodità potrebbero essere il segnale d’allarme di un disturbo che può interessare a diverse età senza distinzioni di genere. Cerchiamo allora di capire in maniera semplice perché non si riesce a stare in mezzo alla gente e viene l’agitazione in talune condizioni.

Da cosa dipende la reazione in pubblico 

Ogni giorno ciascuno di noi vive differenti situazioni in cui, volente o nolente, si ritrova in mezzo a diverse persone. Potrebbe trattarsi del luogo di lavoro, un mezzo pubblico, un’area di passaggio, il supermercato e tanto altro. Questi transiti per molti passano quasi inosservati. Per altre persone invece la permanenza, anche ridotta, in luoghi affollati di gente potrebbe far scaturire un profondo disagio. 

Sono molte le ragioni che portano all’espressione di un malessere. A volte la persona che lo vive sperimenta un forte imbarazzo a mettersi in mostra. Per questo abbiamo illustrato come non vergognarsi del proprio corpo e della propria immagine in pubblico. Altre volte si tratta di una difficoltà a parlare o muoversi in mezzo alla gente. Queste sensazioni spesso si accompagnano ad un basso livello di attribuzione di valore personale, ossia dell’autostima. Le cause che determinano simili vissuti possono evolversi al punto da determinare un quadro patologicoestremamente invalidante sul piano socio-relazionale, emotivo e fisico. 

Perché non si riesce a stare in mezzo alla gente e viene l’agitazione

La paura e la difficoltà che si sperimenta quando si è in mezzo alla gente potrebbe esprimere il cosiddetto disturbo d’ansia sociale, o fobia sociale. Si tratta di una eccessiva paura di ricevere un rifiuto, un’umiliazione o dell’imbarazzo di essere esposti ad una valutazione negativa in pubblico o nelle interazioni sociali. Chi soffre di questa forma specifica di ansia sperimenta una vera e propria paura legata al rifiuto o all’umiliazione che potrebbe ricevere in determinate situazioni pubbliche. Alcune persone spesso riferiscono anche il timore di offendere altre persone attraverso la manifestazione dei propri sintomi di ansia. 

Nella generalità dei casi, chi soffre di questo problema vive una condizione piuttosto invalidante che porta progressivamente all’evitamento di condizioni ansiogene o all’isolamento. In questi casi è possibile rivolgersi ad un professionista della salute mentale per debellare questo vissuto lavorando sulle condizioni che l’hanno generato o su pensieri e comportamenti che lo sostengono. 

Approfondimento

Come dimenticare le figuracce e superare l’imbarazzo

Disclaimer

“Gli autori e i proprietari del presente sito declinano ogni responsabilità nei riguardi dei lettori in merito all’utilizzo che questi possano fare delle informazioni riportate negli articoli. Gli eventuali consigli rappresentano il personale punto di vista dell’autore e non hanno alcuna pretesa di veridicità. I contenuti pubblicati hanno uno scopo puramente divulgativo e non sostituiscono il parere degli specialisti, né intendono formulare diagnosi o prescrivere trattamenti.”

Ultimi articoli
Restiamo in contatto