Recuperare il rapporto col figlio che si è allontanato dalla famiglia

Quando i figli crescono compiono gradualmente un processo di individuazione dalla famiglia d’origine e dalle figure genitoriali. Questo distacco rappresenta un aspetto fondamentale nella crescita, in quanto avvia all’autonomia e ad un processo di formazione della propria individualità. Durante l’età adulta, tuttavia, possono verificarsi casi in cui il distacco riguarda conflittualità non risolte, dissidi o dissapori che non trovano conciliazione. Si creano vere e proprie fratture familiari che spesso coinvolgono il genitori e figli e che sono fonte di profonda sofferenza per chi le vive. Vediamo allora in che modo è possibile recuperare il rapporto col figlio che si è allontanato dalla famiglia e quali aspetti prendere in considerazione.

Quando i rapporti si interrompono bruscamente

La relazione tra un genitore ed il proprio figlio si connota di numerose sfumature che mutano nel corso dell’esistenza di ciascuno. Molti figli, quando diventano adulti, si domandano come si fa a non arrabbiarsi con i propri genitori e ad evitare che nascano tensioni. 

Spesso a determinare un clima di tensione tra le parti si pone il conflitto generazionale che sembra sbarrare ogni tipo di comunicazione autentica e solidale. È allora che si iniziano ad erigere i primi muri di silenzio e ed avvengono scontri aspri e pesanti. Per questo motivo è importante sapere in che modo comportarsi con un figlio scontroso che non rivolge la parola ai genitori.

Recentemente, un gruppo di ricercatori americani ha studiato i processi che sono alla base dell’allontanamento tra madri e figli adulti. Considerando la rilevanza di questo tipo di legame, gli autori hanno voluto verificare quali fossero le cause che ne determinano la rottura. Gli studi hanno mostrato che frequentemente la disuguaglianza di valori è alla base di una forte tensione relazionale che determina la frattura dei rapporti. Si parla in questi casi di estrangement, ossia di estraneazione familiare, un fenomeno che coinvolge due o più componenti della famiglia e che si connota di una forte emotività.

Recuperare il rapporto col figlio che si è allontanato dalla famiglia

I divorzi e le separazioni non sono solo quelli che avvengono tra le coppie. In alcuni casi è proprio dalla diade genitori-figli che scaturisce un distacco netto e doloroso. Quando i figli diventano adulti e costruiscono le proprie vite e le proprie famiglie, nascono dissapori che possono portare ad una frattura decisiva con gli ascendenti.

Una delle cause che pongono in essere questi conflitti risiede nella scarsa comunicazione. Quando un figlio desidera prendere il proprio spazio rispetto al nucleo familiare, deve avere la possibilità di comunicarlo. Il dialogo è uno dei principali strumenti che abbiamo per poter comunicare quello che sentiamo o stare in contatto con ciò che l’altra persona sente. È importante che un simile scambio avvenga in una dimensione di non giudizio, in cui sia presente una comunicazione autentica. 

È fondamentale che il genitore non si senta sempre in diritto di dare dei consigli o degli ordini ai propri figli. Che non svaluti il loro punto di vista o i loro progetti di vita. Spesso le conflittualità nascono da aspettative che gli uni nutrono sugli altri e che inevitabilmente vengono deluse. Edificare un rapporto in cui ci sia un reciproco sostegno, lontano da aspettative o pretese, può creare un clima favorevole al dialogo.

In ultima analisi, è importante prendere in considerazione il fatto che a volte il genitore può commettere degli errori con il proprio figlio. In questo caso, rivolgere le proprie scuse è un modo per creare un rapporto adulto in cui nessuno senta un potere sull’altro.

Approfondimento

Ecco come farsi accettare dalla suocera e farsela amica

Disclaimer

“Gli autori e i proprietari del presente sito declinano ogni responsabilità nei riguardi dei lettori in merito all’utilizzo che questi possano fare delle informazioni riportate negli articoli. Gli eventuali consigli rappresentano il personale punto di vista dell’autore e non hanno alcuna pretesa di veridicità. I contenuti pubblicati hanno uno scopo puramente divulgativo e non sostituiscono il parere degli specialisti, né intendono formulare diagnosi o prescrivere trattamenti.”

Ultimi articoli
Restiamo in contatto